Hotel Roma, Manifestations Meetings Music Sport Theater Exhibitions

Hotel Roma prima colazione Hotel Roma 3 stelle San Lorenzo Camere con terrazzo a Roma Roma camere con vista
Check -in Nights Rooms Type Rooms Numbers Promotional Code

 

Rom hotel Sonderangebote
Mit der Laurentia haben wir (5 Freundinnen) eine sehr gute Wahl getroffen. Freundliches, englisch sprechendes Personal, saubere Zimmer, tolles Frühstück (incl.) in einem stilvollen Frühstücksraum. ..by Venere"




 

Presentazione del libro "Mostrare lo Spettacolo. Musei e Mostre delle Performing Arts

2014-05-04

Casa dei Teatri


Tutto un altro sguardo: la fotografia al femminile in Italia nella prima metà del '900

2014-05-30

Museo di Roma in Trastevere


Artiste a Villa Strohl-Fern

2014-05-17

Villa Strohl Fern


Dall’Europa a Roma: Virginia Tomescu Scrocco, Elisabeth Chaplin, Růžena Zátková

2014-05-16

Accademia di Romania


Le artiste e il “sistema dell’arte”: problematiche di ieri e di oggi a confronto

2014-05-11

MAC MAJA Arte Contemporanea


Vissi d'arte: artiste a confronto

2014-05-05

Biblioteca Rispoli


I Martedì Critici - Donato Piccolo

2014-04-29

MACRO Museo d'Arte Contemporanea Roma

Donato Piccolo (Roma, 1976) è l'ospite del quinto incontro dei Martedì Critici. Anche per lui un’intervista pubblica curata dai critici d’arte Alberto Dambruoso e Guglielmo Gigliotti. La ricerca artistica di Piccolo trae nutrimento dal linguaggio della scienza e con essa condivide un simile atteggiamento di meraviglia nei confronti dei fenomeni fisici. È lo stesso tipo di curiosità a condurre l'artista, come lo scienziato, in una indagine profonda sulla materia, fino a scomporla nelle sue particelle più minute per scandagliare i meccanismi che risiedono nelle pieghe invisibili della realtà.

Con l'uso di raffinate tecnologie l'artista crea sculture immateriali, evanescenti, ma realissime, poiché rendono visibili fenomeni, come quelli atmosferici, in cui siamo costantemente immersi. Sculture fatte d'aria, forme composte da gas e in continua trasformazione, rendono visibile il nesso tra causa e effetto, così come il legame sottile e profondo che unisce le esperienze di ogni giorno al contesto più ampio delle leggi fisiche che governano l'universo. Le opere riproducono la complessità della natura, riconducendola a una scultura, una forma portatile, a dimensione d'uomo, sottolineando così l'affinità tra uno stato esterno della atmosfera e uno interno della mente. I lavori di Piccolo sono un luogo di sperimentazione e di esercizio della conoscenza, di esplorazione delle sue possibilità e i suoi limiti.

Donato Piccolo vive e lavora tra Roma e New York. Tra le sue principali mostre personali ricordiamo: Housekeeping, Soligoart Project, Roma, 2006; WORTER, Galleria Stefania Miscetti, Roma, 2007; Avant et Devenir, Gallery Riff Art Projects, Parigi-Istanbul, 2009; Meccanismi d'Instabilità, Festival dei due Mondi, Casa Romana, Spoleto, 2009; Instabile reversibile, Galerie Mario Mazzoli, Berlino, 2010; Reversible Mechanisms, Space Gallery, Bratislava, 2010; Butterfly effect, Paolo Maria Deanesi Gallery, Rovereto, 2012; Holistic, Galerie Mario Mazzoli, Berlino, 2014. Tra le principali esposizioni collettive ricordiamo: 52a Biennale di Venezia, Padiglione Emirati Arabi Uniti, Venezia, 2007; Simboli di Ferro, Falce e Martello, Museo d'Arte Contemporanea, L'Aquila, 2008; Physical Conditions gallery crawl, Wood Street Gallery, Pittsburgh 2009; 11 Mostra Internacional Gas Natural Fenosa, MACUF, Museo de Arte Contemporáneo Gas Natural Fenosa, Coruña, 2010; Entre Glace et Neige. Processi ed energie della natura, Centre Saint Benin, Aosta, 2010; 54ma Biennale di Venezia, Padiglione Italia, Venezia, 2011; After the crash, Orto Botanico, Roma, 2011; Turbulences, Boghossian Foundation, Bruxelles, 2012; Italienische Kunst Heute, Stadtgalerie Kiel e Museum Biedermann, Donauschingen, 2012; A sign on the road said: take us to MADRE!, Helper, New York, 2012; Bios, Georg-Kolbe Museum, Berlino, 2013; Turbulence II, Villa Empain, Boghossian Foundation, Bruxelles, 2013; Digital Life-Liquid Landscapes, MACRO Testaccio, Roma, 2013; The Genesys, Beyond Museum, Seoul, 2013; The naturalists, Castelluccio di Pienza-La Foce, Chianciano Terme, 2013; Vestige, Fondation Francès, Senlis, 2014.


Presentazione del volume "Ammalò di testa" di Annacarla Valeriano

2014-05-06

Storia Moderna e Contemporanea


Presentazione del libro "Gabriel Naudé. Istruzioni per allestire una biblioteca di Alfredo Serrai"

2014-04-29

Biblioteca Vallicelliana


Presentazione del libro "IDEALE NAZIONALE E DEMOCRAZIA IN ITALIA. Da Foscolo a Garibaldi"

2014-05-07

Casa della Memoria e della Storia


BARTALI NEL GIARDINO DEI GIUSTI TRA LE NAZIONI A GERUSALEMME. Ciclismo, storia e letteratura.

2014-04-29

Casa della Memoria e della Storia


Call for Papers: John Keats’s Early Poems, 1814-1817

2014-10-31

Keats - Shelley House

An Academic Seminar organized by the Keats-Shelley Memorial Association and the Keats Foundation, and supported by the British School at Rome.
In order to mark the bicentenary of the composition of ‘Imitation of Spenser’ (1814), John Keats’s earliest known poem, the Keats-Shelley Memorial Association and the Keats Foundation are jointly hosting a day academic seminar on 31 October, Keats’s birthday, at the Keats-Shelley House in Rome.

Proposals for papers are invited on any subject focusing on, or relating to, Keats’s early poems, from ‘Imitation of Spenser’ itself up to the publication of his first full-length volume, Poems (1817).


Doppia performance "Enoch Arden"

from 2014-05-10 to 2014-05-11

Keats - Shelley House

The Keats-Shelley House is celebrating the one hundred and fiftieth anniversary of late Romantic composer Richard Strauss's birth with a double performance of "Enoch Arden" (op. 38, 1897), the melologue for spoken voice and piano that he composed after Lord Tennyson's eponymous narrative poem.
LUCA COLUCCI, spoken voice
MARIO MONTORE, piano


Presentazione del libro "La forza degli anni"

2014-04-28

Biblioteca Renato Nicolini (ex Corviale)


Il Jazz e l'Africa - Radici, miti, suoni

2014-04-26

Casa del Jazz

Guida all'ascolto a cura di Luigi Onori. Jazz sudafricano, grido di libertà..
Ingresso libero.

Pasolini Incontri

from 2014-04-16 to 2014-06-05

Palazzo delle Esposizioni


"Vincenzo Giustiniani, anno 1606: il viaggio nel Nord Europa" - Giulia Fusconi. XI Ciclo di Conferenze curato da Alvar González Palacios

2014-10-08

Museo Napoleonico

Anche quest’anno l’Associazione degli Amici dei Musei di Roma organizza nelle sale Impero del Museo Napoleonico un ciclo di conferenze curato da Alvar Gonzales Palacios. Il ciclo di quest’anno, dal titolo Italiani in Viaggio, tratterà le vicende in terra straniera di artisti, letterati e intellettuali italiani dall’antichità al Novecento.

"Vincenzo Giustiniani, anno 1606: il viaggio nel Nord Europa" - Giulia Fusconi


"Belzoni in Egitto" - Eugenio Busmanti. XI Ciclo di Conferenze curato da Alvar González Palacios

2014-10-22

Museo Napoleonico

Anche quest’anno l’Associazione degli Amici dei Musei di Roma organizza nelle sale Impero del Museo Napoleonico un ciclo di conferenze curato da Alvar Gonzales Palacios. Il ciclo di quest’anno, dal titolo Italiani in Viaggio, tratterà le vicende in terra straniera di artisti, letterati e intellettuali italiani dall’antichità al Novecento.

"Belzoni in Egitto" - Eugenio Busmanti


"Mario Praz in Inghilterra" - Patrizia Rosazza-Ferraris. XI Ciclo di Conferenze curato da Alvar González Palacios

2014-11-12

Museo Napoleonico

Anche quest’anno l’Associazione degli Amici dei Musei di Roma organizza nelle sale Impero del Museo Napoleonico un ciclo di conferenze curato da Alvar Gonzales Palacios. Il ciclo di quest’anno, dal titolo Italiani in Viaggio, tratterà le vicende in terra straniera di artisti, letterati e intellettuali italiani dall’antichità al Novecento.

"Mario Praz in Inghilterra" - Patrizia Rosazza-Ferraris


"Elegie dal mondo estremo: Ovidio sul Mar Nero" - Roberto Andreotti. XI Ciclo di Conferenze curato da Alvar González Palacios

2014-11-26

Museo Napoleonico

Anche quest’anno l’Associazione degli Amici dei Musei di Roma organizza nelle sale Impero del Museo Napoleonico un ciclo di conferenze curato da Alvar Gonzales Palacios. Il ciclo di quest’anno, dal titolo Italiani in Viaggio, tratterà le vicende in terra straniera di artisti, letterati e intellettuali italiani dall’antichità al Novecento.

"Elegie dal mondo estremo: Ovidio sul Mar Nero" - Roberto Andreotti


"Corrado Giaquinto alla Corte dei Borbone in Spagna" - Federico De Melis. XI Ciclo di Conferenze curato da Alvar González Palacios

2014-12-03

Museo Napoleonico

Anche quest’anno l’Associazione degli Amici dei Musei di Roma organizza nelle sale Impero del Museo Napoleonico un ciclo di conferenze curato da Alvar Gonzales Palacios. Il ciclo di quest’anno, dal titolo Italiani in Viaggio, tratterà le vicende in terra straniera di artisti, letterati e intellettuali italiani dall’antichità al Novecento.

"Corrado Giaquinto alla Corte dei Borbone in Spagna" - Federico De Melis


"Cosimo III di Toscana in Spagna" - David Garcìa Cueto. XI Ciclo di Conferenze curato da Alvar González Palacios

2015-01-21

Museo Napoleonico

Anche quest’anno l’Associazione degli Amici dei Musei di Roma organizza nelle sale Impero del Museo Napoleonico un ciclo di conferenze curato da Alvar Gonzales Palacios. Il ciclo di quest’anno, dal titolo Italiani in Viaggio, tratterà le vicende in terra straniera di artisti, letterati e intellettuali italiani dall’antichità al Novecento.

"Cosimo III di Toscana in Spagna" - David Garcìa Cueto


"Benedetto e Filippo Pistrucci a Londra tra arte e politica" - Lucia Pirzio Biroli Stefanelli. XI Ciclo di Conferenze curato da Alvar González Palacios

2015-02-11

Museo Napoleonico

Anche quest’anno l’Associazione degli Amici dei Musei di Roma organizza nelle sale Impero del Museo Napoleonico un ciclo di conferenze curato da Alvar Gonzales Palacios. Il ciclo di quest’anno, dal titolo Italiani in Viaggio, tratterà le vicende in terra straniera di artisti, letterati e intellettuali italiani dall’antichità al Novecento.

“Benedetto e Filippo Pistrucci a Londra tra arte e politica” - Lucia Pirzio Biroli Stefanelli


"Il Cardinale Enrico Caetani a Varsavia" - Roberto Valeriani. XI Ciclo di Conferenze curato da Alvar González Palacios

2015-02-25

Museo Napoleonico

Anche quest’anno l’Associazione degli Amici dei Musei di Roma organizza nelle sale Impero del Museo Napoleonico un ciclo di conferenze curato da Alvar Gonzales Palacios. Il ciclo di quest’anno, dal titolo Italiani in Viaggio, tratterà le vicende in terra straniera di artisti, letterati e intellettuali italiani dall’antichità al Novecento.

"Il Cardinale Enrico Caetani a Varsavia" - Roberto Valeriani


Pasolini, Open City

2014-05-08

Palazzo delle Esposizioni

Hervé Joubert-Laurencin
Orestes's return from exile may be the purest image of Pasolini's nomadic existence, of his constantly being on the move. In Oedipus at Dawn, Pasolini's first play, Oedipus delivers what may be his finest line when confronted with the body of the Queen of Thebes, his wife and mother: "There, I am empty: in me / you bury her". This gives us an idea of Pasolini's place in the world and of the world's place in Pasolini. A variant in the manuscript also says: "I am open" – Pasolini, open city.

A Summons to the Morgue

2014-05-15

Palazzo delle Esposizioni

Nico Naldini and Roberto Chiesi
An inside, ongoing vision of Pasolini's literary and film work in his element of choice, the world of the common man. Pasolini's personality and poetry are evoked with intensity in the personal memories of writer, poet and essayist Nico Naldini, the author of the most important biography of Pasolini, in the course of a conversation with Roberto Chiesi, director of the Cineteca di Bologna's Centro Studi Pasolini.

Pasolini's India

2014-05-22

Palazzo delle Esposizioni

Emanuele Trevi
Pasolini travelled to India for the first time in 1961, an experience that was to change his perception of society and of personal relationships for ever. The emotions he experienced were so intense that they prompted him to write L'odore dell'India (A Smell of India), a travelogue which was to become a cult work and one of his most important pieces of writing. The book is discussed by author Emanuele Trevi, one of the most sensitive interpreters of Pasolini's cultural legacy today.

Reportage and the Tragic Chorus

2014-05-29

Palazzo delle Esposizioni

Carla Benedetti
In his film La rabbia (1962), Pasolini cut and edited footage from an old cinema newsreel, commenting on it with two voices off screen – one in prose, the other in poetry. This singular experiment in editing echoes the ethical power of the ancient tragic chorus, arousing spectators' pity for what they are seeing, where today's newscasts and endless flow of information generate moral indifference and emotional anaesthesia.

Dacia Maraini and Ninetto Davoli. Remembering Pier Paolo

2014-06-05

Palazzo delle Esposizioni

A semi-serious conversation between Ninetto Davoli and Dacia Maraini on the travels, dinners, chats and games that peopled their close relationship with Pier Paolo Pasolini the man, rather than the film director or the writer.

"Lettere dall’India di Filippo Sassetti (1540-1582)" - Dalu Jones. XI Ciclo di Conferenze curato da Alvar González Palacios

2014-04-30

Museo Napoleonico

Anche quest’anno l’Associazione degli Amici dei Musei di Roma organizza nelle sale Impero del Museo Napoleonico un ciclo di conferenze curato da Alvar Gonzales Palacios. Il ciclo di quest’anno, dal titolo Italiani in Viaggio, tratterà le vicende in terra straniera di artisti, letterati e intellettuali italiani dall’antichità al Novecento.

"Lettere dall’India di Filippo Sassetti (1540-1582)" - Dalu Jones


"Il cardinale Celso Benigno Luigi Costantini e la Cina (1876-1958)" - Filippo Salviati. XI Ciclo di Conferenze curato da Alvar González Palacios

2014-05-14

Museo Napoleonico

Anche quest’anno l’Associazione degli Amici dei Musei di Roma organizza nelle sale Impero del Museo Napoleonico un ciclo di conferenze curato da Alvar Gonzales Palacios. Il ciclo di quest’anno, dal titolo Italiani in Viaggio, tratterà le vicende in terra straniera di artisti, letterati e intellettuali italiani dall’antichità al Novecento.

"Il cardinale Celso Benigno Luigi Costantini e la Cina (1876-1958)" - Filippo Salviati


"Pietro della Valle in Persia" - Giovanni Curatola. XI Ciclo di Conferenze curato da Alvar González Palacios

2014-05-28

Museo Napoleonico

Anche quest’anno l’Associazione degli Amici dei Musei di Roma organizza nelle sale Impero del Museo Napoleonico un ciclo di conferenze curato da Alvar Gonzales Palacios. Il ciclo di quest’anno, dal titolo Italiani in Viaggio, tratterà le vicende in terra straniera di artisti, letterati e intellettuali italiani dall’antichità al Novecento.

"Pietro della Valle in Persia" - Giovanni Curatola


"Giorgio de Chirico in Francia" - Ester Coen. XI Ciclo di Conferenze curato da Alvar González Palacios

2014-06-11

Museo Napoleonico

Anche quest’anno l’Associazione degli Amici dei Musei di Roma organizza nelle sale Impero del Museo Napoleonico un ciclo di conferenze curato da Alvar Gonzales Palacios. Il ciclo di quest’anno, dal titolo Italiani in Viaggio, tratterà le vicende in terra straniera di artisti, letterati e intellettuali italiani dall’antichità al Novecento.

"Giorgio de Chirico in Francia" - Ester Coen


"Luigi Vittorio Bertarelli (1859-1926) Insoliti viaggi. L’appassionante diario di un precursore" - Adriano Agnati del Touring Club Italiano. XI Ciclo di Conferenze curato da Alvar González Palacios

2014-10-01

Museo Napoleonico

Anche quest’anno l’Associazione degli Amici dei Musei di Roma organizza nelle sale Impero del Museo Napoleonico un ciclo di conferenze curato da Alvar Gonzales Palacios. Il ciclo di quest’anno, dal titolo Italiani in Viaggio, tratterà le vicende in terra straniera di artisti, letterati e intellettuali italiani dall’antichità al Novecento.


Il club degli incorreggibili ottimisti - Ass. Irradiazioni

2014-04-27

Spazio Creativo MACSI


All is New in Art. Lezioni sulle innovazioni tecnologiche e metodologiche in ambito culturale e imprenditoriale

from 2014-04-10 to 2014-12-11

Fondazione Pastificio Cerere


Italiani in viaggio. XI Ciclo di Conferenze curato da Alvar González Palacios

from 2014-03-26 to 2015-02-25

Museo Napoleonico

Anche quest’anno l’Associazione degli Amici dei Musei di Roma organizza nelle sale Impero del Museo Napoleonico un ciclo di conferenze curato da Alvar Gonzales Palacios. Il ciclo di quest’anno, dal titolo Italiani in Viaggio, tratterà le vicende in terra straniera di artisti, letterati e intellettuali italiani dall’antichità al Novecento.


Education - Incontri

from 2014-03-14 to 2014-05-18

Palazzo delle Esposizioni

Meeting with Silvana Sola and Paola Vassalli. Towards a new pedagogy marked by the Movement for Educational Cooperation, by teachers such as Maria Luisa Bigiaretti and Mario Lodi and by intellectuals of genius and generosity like Gianni Rodari and Antonio Faeti. The meeting will be followed by a visit to the exhibition under the guidance of the curators.

Illustration - Encounters

2014-05-24

Palazzo delle Esposizioni

Meeting with Paola Vassalli and Ferruccio Giromini. Authors, illustrators, photographers, leading figures on the art scene of those years, contributed to the renewal of the children's book. A journey through the pages of artists such as Iela Mari, Leo Lionni and Maurice Sendak, reinventing the way of reading, thinking and growing with books.

Poetry - Encounters

2014-06-07

Palazzo delle Esposizioni

Meeting with Teresa Buongiorno and Rosaria Punzi. Three great authors gave voice to writing in verse: Gianni Rodari, Toti Scialoja and Mario Faustinelli. All of them with a shared love of poetry and its expressive power.

Mario Sartor. Modernity and Latin America. Syntony and Dissonance - Encounters

2014-05-07

Palazzo delle Esposizioni

The era in which Frida Kahlo worked was one of the most fertile periods Latin American art has ever known, thanks also to its assimilation of numerous international trends such as Futurism, the Metaphysical school, the Italian Novecento and Surrealism. Mario Sartor, a lecturer in Latin American art at Udine University, takes a deeper look.

James Oles. Looking the Viewer in the Eye. Frida Kahlo and the Self-Portrait in Mexico (in English with simultaneous translation into Italian) - Encounters

2014-05-14

Palazzo delle Esposizioni

James Oles, one of the world's most influential students of Mexican art, focuses his attention on Frida Kahlo's self-portraits, viewing them in the broader context of the history of Mexican art from the Viceroy era right up to the work of modern and contemporary artists.

Contemporary Mexican Women Painters (in Spanish with simultaneous translation into Italian) - Encounters

2014-05-21

Palazzo delle Esposizioni

With the participation of CARMEN MAZA DE DEL MAZO, MONICA CASTILLO, IRMA PALACIOS, TANIA CANDIANI.
How much is left, in the work of contemporary Mexican women painters today, of the legacy of the woman whom Diego Rivera called "the first woman in the history of art to have addressed certain specific issues concerning women, with absolute honesty and without compromise"?
The works by the presented painters will be shown in the foyer of the Palazzo delle Esposizioni's Cinema Hall.

Il Parco Letterario ® Francesco Petrarca e dei Colli Euganei (PD)

2014-06-05

Società Dante Alighieri


Il Parco Letterario ® Franco Antonicelli (SA)

2014-05-22

Società Dante Alighieri


Il Parco Letterario ® Francesco De Sanctis (AV)

from 2014-05-08 to 2014-05-09

Società Dante Alighieri


The Next Stop - V edizione. Educational sul management della cultura e dell'innovazione

from 2014-06-07 to 2014-06-28

Museo dell'Ara Pacis

Edizione 2014 di The Next Stop, educational sul management della cultura 

Nuova edizione di The Next Stop, educational sul management della cultura organizzato da Downing Street in collaborazione con Zètema Progetto Cultura, che si terrà all’Ara Pacis di Roma il 7, 14, 21, 28 giugno 2014.
Giunto al suo quinto appuntamento, The Next Stop si sposta sul settore dell’innovazione. In un momento in cui la cultura deve ripensarsi e affrontare le trasformazioni della contemporaneità, la piattaforma propone un cambio di rotta rispetto ai contenuti e lo fa cercando di descrivere la possibile convergenza del mondo culturale con gli altri aspetti che caratterizzano oggi il mondo economico, sociale, professionale. 
Temi tradizionalmente interpretati come “distanti” dal mondo strettamente culturale, come l’impresa, l'innovazione, la tecnica e la tecnologia, argomenti complessi che toccano aspetti legati al cambiamento delle professioni, al rinnovarsi dei modelli socio-culturali, al definirsi di strategie di progettazione e produzione sempre più più sofisticate, sono oggi al centro dell’indagine di The Next Stop. 
Le macro aree tematiche affrontate nei quattro appuntamenti di giugno sono: Il contemporaneo tra cultura, sostenibilità e nuove economie, La cultura e il management dei progetti, Il project design e la comunicazione, La sostenibilità, l'innovazione e lo sviluppo d’impresa.

Di seguito, il calendario con il programma nel dettaglio e i nominativi dei relatori
Modulo uno Il contemporaneo tra cultura, sostenibilità e nuove economie – 7 giugno 
Mattina – 9.30-13.00
- NUOVI SCENARI ECONOMICI E CULTURALI – Giancarlo Sciascia, Fondazione Ahref
- LE IMPRESE E LE RETI CULTURALI – Neve Mazzoleni, Cultural manager
Pomeriggio – 14.00-17.30
- IL DIALOGO CON LE IMPRESE – Marcello Smarrelli, Fondazione Ermanno Casoli
- IL MODELLO FONDAZIONE TRA ARTE E IMPRESA – Anna Zegna, Fondazione Zegna
DA CONFERMARE

Modulo due La cultura e il management dei progetti – 14 giugno
Mattina – 9.30-13.00
- LA GESTIONE DI UN CENTRO CULTURALE – Michele Gervasuti, Fondazione Gervasuti
- LA CULTURA E LA CREATIVITA’ COME SVILUPPO D’IMPRESA – Antonio Scuderi, Capitale Cultura
Pomeriggio – 14.00-17.30
- LA PROFESSIONE DI CURATORE – Raffaele Gavarro, Senior curator
- L’ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI – Alfredo Accatino, Gruppo Filmmaster 

Modulo tre Il project design e la comunicazione – 21 giugno
Mattina – 9.30-13.00
- IL PROJECT MANAGEMENT – Davide Pellegrini, The Next Stop
- ELEMENTI DI EUROPROGETTAZIONE – Francesca Billi, European Funds Consultant
Pomeriggio – 14.00-17.30
- IL GIORNALISMO TRA CULTURA E NUOVI SCENARI – Paolo Marcesini, Memo Magazzini Culturali
- CULTURA, WEB E SOCIAL MEDIA – Bertram Niessen, Social media strategist

Modulo quattro Sostenibilità, innovazione, sviluppo d’impresa – 28 GIUGNO
Mattina – 9.30-13.00
- I NUOVI INCUBATORI TRA CULTURA E TECNOLOGIA – Maurizio Rossi, H-Farm
- L’INNOVAZIONE COME SVILUPPO D’IMPRESA, Paolo Giordano, Gruppo Banzai
Pomeriggio – 14.00-17.30
- IL RUOLO DELL’ARTE NELLA SOCIETA’ – Michelangelo Pistoletto, Cittadellarte
- SCENARI CONTEMPORANEI E TECNOLOGIE – Domenico Quaranta, Link Art Center

Il percorso è strutturato in quattro moduli, quattrogiornatefullimmersion, sempre il sabato, dalle ore 9.30 alle 17.30. Il format è rivolto a professionisti o appassionati che desiderano aggiornarsi e acquisire o perfezionare tutti gli strumenti utili per operare nel settore dei progetti culturali, dell'arte contemporanea e dell'innovazione.


Incontri e laboratori didattici nell’ambito della mostra “Spinario. Storia e fortuna”

from 2014-02-19 to 2014-05-14

Musei Capitolini

“L’Accademia va la Museo”. Docenti e studenti dell’Accademia delle Belle Arti incontrano il pubblico in lezioni e laboratori interattivi sullo Spinario.

L’iniziativa si compone di tre incontri/lezione, con proiezioni, e successivi appuntamenti di attività laboratoriali.
Durante i laboratori il pubblico avrà la possibilità di vedere applicate le tecniche introdotte e presentate negli incontri/lezione e di interagire nella realizzazione di alcune creazioni. 

Incontro del 19 febbraio
Pier Luigi Berto Docente Corsi di Disegno per la Pittura e Disegno per l’Incisione

Una tecnica segreta e antica, il Disegno con  la punta d’argento.
Alla scoperta di una raffinata metodologia operativa
Presentazione della metodologia che prevede la preparazione del supporto  cartaceo su telaio  per la punta d’argento, seguendo l’antica ricetta del pittore e trattatista Cennino Cennini (XIV-XV secolo).
Durante i laboratori i visitatori potranno assistere in diretta alla nascita di un disegno tracciato dalle punte metalliche (mina d’argento, piombo-stagno e piombo) e chiaroscurato secondo le  diverse tipologie. Gli allievi del corso di disegno del prof. Pier Luigi Berto disegneranno su carta con vari materiali e il pubblico potrà assistere e interagire con loro, stimolato dagli approfondimenti storico artistici del prof. Nocca.
Laboratori il     26 marzo e     16 aprile 

Incontro del 25 febbraio
Edelweiss Molina Docente Corso di Disegno per la Decorazione- Corso di Design del Gioiello
Manuela Traini    Docente Corso di Tecniche di Fonderia e Corso di Tecniche dei Materiali

Un ‘idea da indossare: dallo Spinario al laboratorio attitudinale e creativo
Presentazione dei percorsi creativi delle due docenti; verranno illustrate  le intenzioni operative da condividere con il pubblico partecipante. Si parlerà del Disegno, inteso come custode del linguaggio visivo tra passato e presente, spunto per un progetto prezioso, attraverso la conoscenza dell’antica  tecnica della fusione a cera persa. L’incontro fornirà le basi per gli appuntamenti pratico-laboratoriale per la realizzazione di micro sculture con la tecnica della fusione a cera persa.
Durante le esercitazioni nello spazio museale gli studenti-guida creeranno elaborati  grafici  che daranno al pubblico l’opportunità di assistere e interagire, seguendo fase dopo fase gli spunti grafici ispirati dalle opere in mostra. Gli stessi partecipanti saranno invitati a realizzare, dietro le indicazioni della docente, un itinerario guidato dall’attenzione visiva, fino alla realizzazione di una microscultura in argento da indossare - nel laboratorio dell’Accademia di Belle Arti -.
Laboratori il     20 marzo,     10 aprile,     7 maggio e     14 maggio (questi 2 appuntamenti avranno luogo presso la sede dell’Accademia) 

Incontro del 25 marzo
Prof. Andrea Lelario Docente di Tecniche dell’incisione

Lastre, acidi e punte : l’Acquaforte
Presentazione documentata e circostanziata delle diverse fasi  tecniche  della preziosa procedura di stampa.
Prendendo spunto da alcune opere grafiche in mostra, il Prof. Lelario svelerà al pubblico i segreti di un’affascinante processo di stampa d’arte che rese famosi Rembrandt e Piranesi.
I laboratori avranno carattere osservativo–laboratoriale, offrendo la possibilità di seguire da vicino gli studenti guida e lo stesso docente nelle diverse dimostrazioni operative.  
Laboratori il      15 aprile e     13 maggio


Doppio filo. Arte e moda al MACRO

from 2014-02-12 to 2014-05-08

MACRO Museo d'Arte Contemporanea Roma

Ciclo di quattro conferenze  pensato per approfondire il legame tra arte e moda, ambiti culturali diversificati ma sempre più tangenti. L’iniziativa, a cura dalla Didattica del MACRO, in collaborazione con Rossana Buono (Università  degli Studi di Roma Tor Vergata) e Tiziana Musi (l’Accademia di Belle Arti di Roma), vedrà la partecipazione di artisti, esperti di costume, stilisti e personalità della moda.  

Nuove creatività è un’occasione per approfondire le metamorfosi delle tecniche tessili in campo artistico e sartoriale, ripercorrendone le contaminazioni tra uso tradizionale e artistico, tra artigianato e azioni performative, tra storia dell’arte e storia del costume. La riflessione si estende anche alla manualità artigianale, sia come recupero nell'ambito di nuove ricerche – come la knitting art e la fiber art – sia come strumento professionale proprio della produzione sartoriale.


Venerdì da leggere!

from 2013-12-20

Biblioteca Ennio Flaiano


Orizzonti del Novecento - Dialogo fra le arti

from 2014-01-24 to 2014-06-06

Istituto Nazionale di Archeologia e Storia


Coppie d’azione. Amore e rivoluzione a Roma nel 1849

from 2014-01-18 to 2014-07-05

Museo della Repubblica Romana e della Memoria Garibaldina - Complesso monumentale di Porta San Pancrazio

Sette incontri, un sabato al mese, sul tema delle coppie celebri attive durante la Repubblica Romana.

Coppie d’azione, amori rivoluzionari. La Repubblica Romana non fu soltanto il palcoscenico straordinario delle gesta di uomini come Garibaldi e Mazzini, Masina e Manara, Pisacane e Mameli. Fu un momento di partecipazione, di coralità, di virtù pubbliche e private, di passioni visionarie e traboccanti che dalle istanze teoriche di rinnovamento precipitarono nella vita vissuta, riversandosi sugli scranni della politica, sui campi di battaglia, negli ospedali improvvisati e sulle pagine dei giornali, travolgendo tutto e tutti in un empito di vitalità commovente, in cui vita pubblica e vita privata si rincorsero in un suggestivo gioco di specchi.

Sono i presupposti stessi della rivoluzione repubblicana compiuta a Roma il 9 febbraio 1849 a rendere possibile ciò: abolizione di ogni differenza tra cittadini, tutti devono godere di uguali diritti e a tutti si richiedono pari virtù civiche. Anche alle donne. Che rispondono in massa entusiaste al reclutamento per il soccorso ai feriti, preparando bende, somministrando cure, confortando i moribondi. Su queste sconosciute eroine del popolo, a riscattarne idealmente l’anonimato, svettano i nomi di alcune donne celebri, compagne di vita e talvolta di sventura di esponenti di spicco della vita politica e militare della Repubblica, il misconosciuto universo femminile di vere coppie d’azione in cui i pensieri, la fede politica, gli entusiasmi rivoluzionari rimbalzarono nell’anima degli amanti più forti delle cannonate francesi, in un crescendo di generosità, partecipazione e sacrificio di sé che trova nelle figure statuarie di Anita e Giuseppe Garibaldi i suoi simboli imperituri.

A riscattare la memoria di queste protagoniste anonime saranno alcune donne celebri, compagne di vita e talvolta di sventura di esponenti più o meno di rilievo della dirigenza politica e militare della Repubblica: da Anita, la coraggiosa brasiliana che raggiunge il suo Garibaldi per poi seguirlo nella ritirata in cui troverà la morte, a Enrichetta, la donna che ha lasciato un’agiata vita familiare per unirsi a Pisacane; da Margaret Fuller, la giornalista americana che, congiunta in matrimonio con un ufficiale della Repubblica, racconta al mondo con le sue corrispondenze ai giornali d’oltre oceano i giorni tragici della speranza e della sconfitta, ad Adele Baroffio, amore sconosciuto di Goffredo Mameli; da Cristina di Belgiojoso, la principessa repubblicana incaricata di dirigere gli ospedali, a Giulia Calame, moglie svizzera di Gustavo Modena.

A loro, all’opera da esse svolta in rappresentanza di tutte le donne, e ai loro compagni è dedicato il ciclo di conferenze, curato dalla D.ssa Mara Minasi e dal Prof. Giuseppe Monsagrati, promosso da Assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali,  che si terrà presso il Museo della Repubblica romana a partire da sabato 18 gennaio fino al 5 luglio 2014. Si è scelto di intitolarlo “Coppie di azione. Amore e rivoluzione a Roma nel 1849” proprio per sottolineare come il contributo di queste donne all’esperienza di libertà del ’49 romano sia meno marginale di quanto comunemente si creda e, al contrario, tenda ad affermare una volontà di partecipazione che, diffondendosi a strati sempre più ampi della popolazione femminile e accompagnando il compimento del Risorgimento, ne evidenzia ancora una volta i profondi contenuti di crescita civile.


Coppie d’azione: Margareth Fuller ed Angelo Ossoli

2014-05-10

Museo della Repubblica Romana e della Memoria Garibaldina - Complesso monumentale di Porta San Pancrazio

Quarto di sette incontri sul tema delle coppie celebri attive durante la repubblica romana. Relatore Giuseppe Monsagrati.

Coppie d’azione, amori rivoluzionari. La Repubblica Romana non fu soltanto il palcoscenico straordinario delle gesta di uomini come Garibaldi e Mazzini, Masina e Manara, Pisacane e Mameli. Fu un momento di partecipazione, di coralità, di virtù pubbliche e private, di passioni visionarie e traboccanti che dalle istanze teoriche di rinnovamento precipitarono nella vita vissuta, riversandosi sugli scranni della politica, sui campi di battaglia, negli ospedali improvvisati e sulle pagine dei giornali, travolgendo tutto e tutti in un empito di vitalità commovente, in cui vita pubblica e vita privata si rincorsero in un suggestivo gioco di specchi.

Sono i presupposti stessi della rivoluzione repubblicana compiuta a Roma il 9 febbraio 1849 a rendere possibile ciò: abolizione di ogni differenza tra cittadini, tutti devono godere di uguali diritti e a tutti si richiedono pari virtù civiche. Anche alle donne. Che rispondono in massa entusiaste al reclutamento per il soccorso ai feriti, preparando bende, somministrando cure, confortando i moribondi. Su queste sconosciute eroine del popolo, a riscattarne idealmente l’anonimato, svettano i nomi di alcune donne celebri, compagne di vita e talvolta di sventura di esponenti di spicco della vita politica e militare della Repubblica, il misconosciuto universo femminile di vere coppie d’azione in cui i pensieri, la fede politica, gli entusiasmi rivoluzionari rimbalzarono nell’anima degli amanti più forti delle cannonate francesi, in un crescendo di generosità, partecipazione e sacrificio di sé che trova nelle figure statuarie di Anita e Giuseppe Garibaldi i suoi simboli imperituri.

A riscattare la memoria di queste protagoniste anonime saranno alcune donne celebri, compagne di vita e talvolta di sventura di esponenti più o meno di rilievo della dirigenza politica e militare della Repubblica: da Anita, la coraggiosa brasiliana che raggiunge il suo Garibaldi per poi seguirlo nella ritirata in cui troverà la morte, a Enrichetta, la donna che ha lasciato un’agiata vita familiare per unirsi a Pisacane; da Margaret Fuller, la giornalista americana che, congiunta in matrimonio con un ufficiale della Repubblica, racconta al mondo con le sue corrispondenze ai giornali d’oltre oceano i giorni tragici della speranza e della sconfitta, ad Adele Baroffio, amore sconosciuto di Goffredo Mameli; da Cristina di Belgiojoso, la principessa repubblicana incaricata di dirigere gli ospedali, a Giulia Calame, moglie svizzera di Gustavo Modena.

A loro, all’opera da esse svolta in rappresentanza di tutte le donne, e ai loro compagni è dedicato il ciclo di conferenze, curato dalla D.ssa Mara Minasi e dal Prof. Giuseppe Monsagrati, promosso da Assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali,  che si terrà presso il Museo della Repubblica romana a partire da sabato 18 gennaio fino al 5 luglio 2014. Si è scelto di intitolarlo “Coppie di azione. Amore e rivoluzione a Roma nel 1849” proprio per sottolineare come il contributo di queste donne all’esperienza di libertà del ’49 romano sia meno marginale di quanto comunemente si creda e, al contrario, tenda ad affermare una volontà di partecipazione che, diffondendosi a strati sempre più ampi della popolazione femminile e accompagnando il compimento del Risorgimento, ne evidenzia ancora una volta i profondi contenuti di crescita civile.

Calendario completo degli incontri:

18 gennaio, ore 16.00
Anita e Giuseppe Garibaldi - relatore Lauro Rossi

22 febbraio, ore 16.00
Giuseppe Mazzini e Cristina Trivulzio di Belgiojoso - relatrice Annamaria Isastia

22 marzo, ore 16.00
Carlo Pisacane ed Enrichetta Di Lorenzo - relatore Adolfo Noto

10 maggio, ore 16.00
Margareth Fuller ed Angelo Ossoli - relatore Giuseppe Monsagrati

24 maggio, ore 16.00
Gustavo Modena e Giulia Calame - relatrice Mara Minasi

14 giugno, ore 16.00
Colomba Antonietti e Luigi Porzi - relatrice Francesca Di Giuseppe

5 luglio, ore 16.00
Goffredo Mameli e Adele Baroffio - relatore Andrea Cicerchia


Coppie d’azione: Gustavo Modena e Giulia Calame

2014-05-24

Museo della Repubblica Romana e della Memoria Garibaldina - Complesso monumentale di Porta San Pancrazio

Quinto di sette incontri sul tema delle coppie celebri attive durante la repubblica romana. Relatrice Mara Minasi.

Coppie d’azione, amori rivoluzionari. La Repubblica Romana non fu soltanto il palcoscenico straordinario delle gesta di uomini come Garibaldi e Mazzini, Masina e Manara, Pisacane e Mameli. Fu un momento di partecipazione, di coralità, di virtù pubbliche e private, di passioni visionarie e traboccanti che dalle istanze teoriche di rinnovamento precipitarono nella vita vissuta, riversandosi sugli scranni della politica, sui campi di battaglia, negli ospedali improvvisati e sulle pagine dei giornali, travolgendo tutto e tutti in un empito di vitalità commovente, in cui vita pubblica e vita privata si rincorsero in un suggestivo gioco di specchi.

Sono i presupposti stessi della rivoluzione repubblicana compiuta a Roma il 9 febbraio 1849 a rendere possibile ciò: abolizione di ogni differenza tra cittadini, tutti devono godere di uguali diritti e a tutti si richiedono pari virtù civiche. Anche alle donne. Che rispondono in massa entusiaste al reclutamento per il soccorso ai feriti, preparando bende, somministrando cure, confortando i moribondi. Su queste sconosciute eroine del popolo, a riscattarne idealmente l’anonimato, svettano i nomi di alcune donne celebri, compagne di vita e talvolta di sventura di esponenti di spicco della vita politica e militare della Repubblica, il misconosciuto universo femminile di vere coppie d’azione in cui i pensieri, la fede politica, gli entusiasmi rivoluzionari rimbalzarono nell’anima degli amanti più forti delle cannonate francesi, in un crescendo di generosità, partecipazione e sacrificio di sé che trova nelle figure statuarie di Anita e Giuseppe Garibaldi i suoi simboli imperituri.

A riscattare la memoria di queste protagoniste anonime saranno alcune donne celebri, compagne di vita e talvolta di sventura di esponenti più o meno di rilievo della dirigenza politica e militare della Repubblica: da Anita, la coraggiosa brasiliana che raggiunge il suo Garibaldi per poi seguirlo nella ritirata in cui troverà la morte, a Enrichetta, la donna che ha lasciato un’agiata vita familiare per unirsi a Pisacane; da Margaret Fuller, la giornalista americana che, congiunta in matrimonio con un ufficiale della Repubblica, racconta al mondo con le sue corrispondenze ai giornali d’oltre oceano i giorni tragici della speranza e della sconfitta, ad Adele Baroffio, amore sconosciuto di Goffredo Mameli; da Cristina di Belgiojoso, la principessa repubblicana incaricata di dirigere gli ospedali, a Giulia Calame, moglie svizzera di Gustavo Modena.

A loro, all’opera da esse svolta in rappresentanza di tutte le donne, e ai loro compagni è dedicato il ciclo di conferenze, curato dalla D.ssa Mara Minasi e dal Prof. Giuseppe Monsagrati, promosso da Assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali,  che si terrà presso il Museo della Repubblica romana a partire da sabato 18 gennaio fino al 5 luglio 2014. Si è scelto di intitolarlo “Coppie di azione. Amore e rivoluzione a Roma nel 1849” proprio per sottolineare come il contributo di queste donne all’esperienza di libertà del ’49 romano sia meno marginale di quanto comunemente si creda e, al contrario, tenda ad affermare una volontà di partecipazione che, diffondendosi a strati sempre più ampi della popolazione femminile e accompagnando il compimento del Risorgimento, ne evidenzia ancora una volta i profondi contenuti di crescita civile.

Calendario completo degli incontri:

18 gennaio, ore 16.00
Anita e Giuseppe Garibaldi - relatore Lauro Rossi

22 febbraio, ore 16.00
Giuseppe Mazzini e Cristina Trivulzio di Belgiojoso - relatrice Annamaria Isastia

22 marzo, ore 16.00
Carlo Pisacane ed Enrichetta Di Lorenzo - relatore Adolfo Noto

10 maggio, ore 16.00
Margareth Fuller ed Angelo Ossoli - relatore Giuseppe Monsagrati

24 maggio, ore 16.00
Gustavo Modena e Giulia Calame - relatrice Mara Minasi

14 giugno, ore 16.00
Colomba Antonietti e Luigi Porzi - relatrice Francesca Di Giuseppe

5 luglio, ore 16.00
Goffredo Mameli e Adele Baroffio - relatore Andrea Cicerchia


Coppie d’azione: Colomba Antonietti e Luigi Porzi

2014-06-14

Museo della Repubblica Romana e della Memoria Garibaldina - Complesso monumentale di Porta San Pancrazio

Sesto di sette incontri sul tema delle coppie celebri attive durante la repubblica romana. Relatrice Francesca Di Giuseppe.

Coppie d’azione, amori rivoluzionari. La Repubblica Romana non fu soltanto il palcoscenico straordinario delle gesta di uomini come Garibaldi e Mazzini, Masina e Manara, Pisacane e Mameli. Fu un momento di partecipazione, di coralità, di virtù pubbliche e private, di passioni visionarie e traboccanti che dalle istanze teoriche di rinnovamento precipitarono nella vita vissuta, riversandosi sugli scranni della politica, sui campi di battaglia, negli ospedali improvvisati e sulle pagine dei giornali, travolgendo tutto e tutti in un empito di vitalità commovente, in cui vita pubblica e vita privata si rincorsero in un suggestivo gioco di specchi.

Sono i presupposti stessi della rivoluzione repubblicana compiuta a Roma il 9 febbraio 1849 a rendere possibile ciò: abolizione di ogni differenza tra cittadini, tutti devono godere di uguali diritti e a tutti si richiedono pari virtù civiche. Anche alle donne. Che rispondono in massa entusiaste al reclutamento per il soccorso ai feriti, preparando bende, somministrando cure, confortando i moribondi. Su queste sconosciute eroine del popolo, a riscattarne idealmente l’anonimato, svettano i nomi di alcune donne celebri, compagne di vita e talvolta di sventura di esponenti di spicco della vita politica e militare della Repubblica, il misconosciuto universo femminile di vere coppie d’azione in cui i pensieri, la fede politica, gli entusiasmi rivoluzionari rimbalzarono nell’anima degli amanti più forti delle cannonate francesi, in un crescendo di generosità, partecipazione e sacrificio di sé che trova nelle figure statuarie di Anita e Giuseppe Garibaldi i suoi simboli imperituri.

A riscattare la memoria di queste protagoniste anonime saranno alcune donne celebri, compagne di vita e talvolta di sventura di esponenti più o meno di rilievo della dirigenza politica e militare della Repubblica: da Anita, la coraggiosa brasiliana che raggiunge il suo Garibaldi per poi seguirlo nella ritirata in cui troverà la morte, a Enrichetta, la donna che ha lasciato un’agiata vita familiare per unirsi a Pisacane; da Margaret Fuller, la giornalista americana che, congiunta in matrimonio con un ufficiale della Repubblica, racconta al mondo con le sue corrispondenze ai giornali d’oltre oceano i giorni tragici della speranza e della sconfitta, ad Adele Baroffio, amore sconosciuto di Goffredo Mameli; da Cristina di Belgiojoso, la principessa repubblicana incaricata di dirigere gli ospedali, a Giulia Calame, moglie svizzera di Gustavo Modena.

A loro, all’opera da esse svolta in rappresentanza di tutte le donne, e ai loro compagni è dedicato il ciclo di conferenze, curato dalla D.ssa Mara Minasi e dal Prof. Giuseppe Monsagrati, promosso da Assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali,  che si terrà presso il Museo della Repubblica romana a partire da sabato 18 gennaio fino al 5 luglio 2014. Si è scelto di intitolarlo “Coppie di azione. Amore e rivoluzione a Roma nel 1849” proprio per sottolineare come il contributo di queste donne all’esperienza di libertà del ’49 romano sia meno marginale di quanto comunemente si creda e, al contrario, tenda ad affermare una volontà di partecipazione che, diffondendosi a strati sempre più ampi della popolazione femminile e accompagnando il compimento del Risorgimento, ne evidenzia ancora una volta i profondi contenuti di crescita civile.

Calendario completo degli incontri:

18 gennaio, ore 16.00
Anita e Giuseppe Garibaldi - relatore Lauro Rossi

22 febbraio, ore 16.00
Giuseppe Mazzini e Cristina Trivulzio di Belgiojoso - relatrice Annamaria Isastia

22 marzo, ore 16.00
Carlo Pisacane ed Enrichetta Di Lorenzo - relatore Adolfo Noto

10 maggio, ore 16.00
Margareth Fuller ed Angelo Ossoli - relatore Giuseppe Monsagrati

24 maggio, ore 16.00
Gustavo Modena e Giulia Calame - relatrice Mara Minasi

14 giugno, ore 16.00
Colomba Antonietti e Luigi Porzi - relatrice Francesca Di Giuseppe

5 luglio, ore 16.00
Goffredo Mameli e Adele Baroffio - relatore Andrea Cicerchia


Coppie d’azione: Goffredo Mameli e Adele Baroffio

2014-07-05

Museo della Repubblica Romana e della Memoria Garibaldina - Complesso monumentale di Porta San Pancrazio

Ultimo di sette incontri sul tema delle coppie celebri attive durante la repubblica romana. Relatore Andrea Cicerchia.

Coppie d’azione, amori rivoluzionari. La Repubblica Romana non fu soltanto il palcoscenico straordinario delle gesta di uomini come Garibaldi e Mazzini, Masina e Manara, Pisacane e Mameli. Fu un momento di partecipazione, di coralità, di virtù pubbliche e private, di passioni visionarie e traboccanti che dalle istanze teoriche di rinnovamento precipitarono nella vita vissuta, riversandosi sugli scranni della politica, sui campi di battaglia, negli ospedali improvvisati e sulle pagine dei giornali, travolgendo tutto e tutti in un empito di vitalità commovente, in cui vita pubblica e vita privata si rincorsero in un suggestivo gioco di specchi.

Sono i presupposti stessi della rivoluzione repubblicana compiuta a Roma il 9 febbraio 1849 a rendere possibile ciò: abolizione di ogni differenza tra cittadini, tutti devono godere di uguali diritti e a tutti si richiedono pari virtù civiche. Anche alle donne. Che rispondono in massa entusiaste al reclutamento per il soccorso ai feriti, preparando bende, somministrando cure, confortando i moribondi. Su queste sconosciute eroine del popolo, a riscattarne idealmente l’anonimato, svettano i nomi di alcune donne celebri, compagne di vita e talvolta di sventura di esponenti di spicco della vita politica e militare della Repubblica, il misconosciuto universo femminile di vere coppie d’azione in cui i pensieri, la fede politica, gli entusiasmi rivoluzionari rimbalzarono nell’anima degli amanti più forti delle cannonate francesi, in un crescendo di generosità, partecipazione e sacrificio di sé che trova nelle figure statuarie di Anita e Giuseppe Garibaldi i suoi simboli imperituri.

A riscattare la memoria di queste protagoniste anonime saranno alcune donne celebri, compagne di vita e talvolta di sventura di esponenti più o meno di rilievo della dirigenza politica e militare della Repubblica: da Anita, la coraggiosa brasiliana che raggiunge il suo Garibaldi per poi seguirlo nella ritirata in cui troverà la morte, a Enrichetta, la donna che ha lasciato un’agiata vita familiare per unirsi a Pisacane; da Margaret Fuller, la giornalista americana che, congiunta in matrimonio con un ufficiale della Repubblica, racconta al mondo con le sue corrispondenze ai giornali d’oltre oceano i giorni tragici della speranza e della sconfitta, ad Adele Baroffio, amore sconosciuto di Goffredo Mameli; da Cristina di Belgiojoso, la principessa repubblicana incaricata di dirigere gli ospedali, a Giulia Calame, moglie svizzera di Gustavo Modena.

A loro, all’opera da esse svolta in rappresentanza di tutte le donne, e ai loro compagni è dedicato il ciclo di conferenze, curato dalla D.ssa Mara Minasi e dal Prof. Giuseppe Monsagrati, promosso da Assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali,  che si terrà presso il Museo della Repubblica romana a partire da sabato 18 gennaio fino al 5 luglio 2014. Si è scelto di intitolarlo “Coppie di azione. Amore e rivoluzione a Roma nel 1849” proprio per sottolineare come il contributo di queste donne all’esperienza di libertà del ’49 romano sia meno marginale di quanto comunemente si creda e, al contrario, tenda ad affermare una volontà di partecipazione che, diffondendosi a strati sempre più ampi della popolazione femminile e accompagnando il compimento del Risorgimento, ne evidenzia ancora una volta i profondi contenuti di crescita civile.

Calendario completo degli incontri:

18 gennaio, ore 16.00
Anita e Giuseppe Garibaldi - relatore Lauro Rossi

22 febbraio, ore 16.00
Giuseppe Mazzini e Cristina Trivulzio di Belgiojoso - relatrice Annamaria Isastia

22 marzo, ore 16.00
Carlo Pisacane ed Enrichetta Di Lorenzo - relatore Adolfo Noto

10 maggio, ore 16.00
Margareth Fuller ed Angelo Ossoli - relatore Giuseppe Monsagrati

24 maggio, ore 16.00
Gustavo Modena e Giulia Calame - relatrice Mara Minasi

14 giugno, ore 16.00
Colomba Antonietti e Luigi Porzi - relatrice Francesca Di Giuseppe

5 luglio, ore 16.00
Goffredo Mameli e Adele Baroffio - relatore Andrea Cicerchia


Un altro novecento: Benajmin Britten


Happy hours al Museo Civico di Zoologia - Il futuro dei grandi carnivori: avranno ancora spazio sulla Terra?

2014-05-08

Museo Civico di Zoologia

Un mondo che cambia così rapidamente pone interrogativi inquietanti sulla sopravvivenza delle specie selvatiche. Ed ecco quindi che negli incontri Happy Hours al Museo indagheremo su "Il futuro dei grandi carnivori: avranno ancora spazio sulla Terra?". Frammentazione dell'habitat, epidemie e pandemie spingono questi affascinanti Mammiferi in un pericoloso collo di bottiglia. Riusciranno a trovare nuove strategie di vita?
Con Gloria Svampa (Museo Civico di Zoologia di Roma)
Orario: inizio 18.00, durata 1 ora e 30 min. Al pubblico presente verrà offerto un aperitivo.
Prenotazione obbligatoria
Costo: ingresso libero. Si consiglia di prenotare entro le ore 11.00 del giorno dell'evento.
gloria.svampa@comune.roma.it
Info 060608; 0039 06 67109270
Clicca    qui per consultare il programma completo.


Happy hours al Museo Civico di Zoologia - Animali creati dall’uomo: le razze domestiche

2014-05-22

Museo Civico di Zoologia

Avremo l'opportunità di incontrare gli "Animali creati dall'uomo: le razze domestiche". Dal primo incontro ravvicinato con il lupo alla clonazione della Pecora Dolly, gli animali domestici hanno accompagnato infatti la storia dell'uomo, amplificandone l'impatto sugli ecosistemi.
A cura del Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura (C.R.A.)
Orario: inizio 18.00, durata 1 ora e 30 min. Al pubblico presente verrà offerto un aperitivo.
Prenotazione obbligatoria
Costo: ingresso libero. Si consiglia di prenotare entro le ore 11.00 del giorno dell'evento.
gloria.svampa@comune.roma.it
Info 060608; 0039 06 67109270
Clicca    qui per consultare il programma completo.


Happy hours al Museo Civico di Zoologia - Aliens, clandestini nell’Arca?

2014-06-05

Museo Civico di Zoologia

E se alla fine degli incontri Happy Hours dovessimo scoprire a bordo degli "Aliens, clandestini nell'Arca"?
Illustri relatori, racconti affascinanti della vita degli animali nei loro ambienti naturali, un percorso articolato, in cui il pubblico degli Happy Hours verrà invitato a discutere del futuro della biodiversità, affrontando questa  tematica da tante, diverse  prospettive.
Con Piero Genovesi (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale  & Gruppo degli Specialisti sulle Specie Invasive della  SSC/IUCN)
Orario: inizio 18.00, durata 1 ora e 30 min. Al pubblico presente verrà offerto un aperitivo.
Prenotazione obbligatoria
Costo: ingresso libero. Si consiglia di prenotare entro le ore 11.00 del giorno dell'evento.
gloria.svampa@comune.roma.it
Info 060608; 0039 06 67109270
Clicca    qui per consultare il programma completo.


Antonio Catania legge Mosca sulla vodka / Mosca-Petuski

2014-05-12

Auditorium Parco della Musica

Auditorium Parco della Musica - Teatro Studio
Antonio Catania


introduce Serena Vitale

Dopo i tre cicli dedicati alla poesia, e i tre al romanzo europeo, italiano e statunitense, sempre nel segno del Novecento, gli incontri letterari dell'Auditorium proseguono con altri otto capolavori, questa volta dedicati alla letteratura russa dal XIX secolo a oggi.
Organizzati in forma di conversazione introduttiva all'ascolto del testo, gli incontri dureranno circa un'ora e quindici ciascuno (senza intervallo).
Insieme a Valerio Magrelli, ognuno degli studiosi invitati esaminerà alcune pagine degli autori scelti. Si partirà dalla presentazione biografica dell'autore, per passare all'analisi letteraria, cedendo infine la parola alla lettura vera e propria, eseguita da alcuni fra i più noti attori italiani.
L'iniziativa vuole evitare tanto le secche dello specialismo, quanto i naufragi del dilettantismo, per dare agli spettatori non solo la possibilità di conoscere otto classici del secolo scorso, ma anche quella di scendere nel vivo dell'officina linguistica, in uno spazio troppe volte ignorato dal pubblico.

La forma delle nuvole

from 2013-11-21 to 2014-05-22

Biblioteca Vallicelliana


Le conferenze de "Il Giovedì dei Musei"

from 2013-11-21 to 2014-07-10

Musei Vaticani


Riflessione storiografica e rinnovamento artistico: arte d'avanguardia e contaminazioni disciplinari


La parola e il silenzio. Zen, sufismo, mistica cristiana: tre vie sapienziali nel solco dell’attualità


Hotel roma


hotel roma san lorenzo
hotel roma centro
 hotel roma 3 stelle

Hotel 3 stelle Roma: Hotel Laurentia ™ Hotel Address: Largo degli Osci ,  65 - 00185 ROMA (RM)
 Tel +39 06/4450218 Fax +39 06/4453681 City Zone of Rome : City Center Termini University La Sapienza San Lorenzo